Siete circondati, arrendetevi

Lo abbiamo detto lunedì scorso da Piazza Verdi appena liberata: abbiamo vinto. Adesso lo ripetiamo: oltre a poliziotti e carabinieri, abbiamo per ora cacciato da Piazza Verdi i loro mandanti politici. Parlano di “dietrofront”, è una disfatta. Come da copione, allora, ecco che la Procura si sostituisce a un potere politico incapace e alle corde: 35 denunce per aver difeso e praticato il legittimo diritto a riunirsi e discutere, a respingere i tentativi di militarizzazione degli spazi urbani e della zona universitaria. A queste si aggiungono le veline su misure repressive per altre iniziative politiche di mesi e anni trascorsi, come quando nello scorso dicembre – insieme ai lavoratori della logistica – studenti/esse e precari/e hanno picchettato il punto vendita Ikea di Bologna. I giornali parlano senza troppo pudore della “controffensiva della Procura”, mostrando involontariamente la vera natura di queste ennesime denunce: si tratta di un maldestro tentativo di intimidazione mafiosa contro il diritto di resistenza e di espressione collettiva.

375737_151238525063742_1836001914_n

Dal canto nostro, rivendichiamo con ancora più forza tutto ciò che abbiamo fatto con tante e tanti e che continueremo a fare: dalla prima sedia messa in via Zamboni per difendere lo svolgimento di un’assemblea fino all’ultimo poliziotto cacciato da PiazzaVerdi, dalle campagne per la riduzione dei costi della mensa alle iniziative didiscussione e socialità, politiche e culturali, con cui stiamo costruendo una nuova università e spazi metropolitani da vivere in comune. É con questa determinazione che sabato 1 giugno saremo alla manifestazione contro la Granarolo e le cooperative della logistica (h. 15 da Piazza Nettuno) e martedì 4 giugno al corteo da Piazza Verdi alle 18, per poi continuare a riempirla di assemblee e iniziative. Perché le lotte dei facchini e degli studenti hanno in comune la battaglia contro le condizioni di sfruttamento e di precarizzazione, contro il restringimento degli spazi di agibilità politica e sociale (dal diritto aglispazi metropolitani a quello di sciopero), per la dignità e per trasformare collettivamente le nostre vite.
Denunce e misure repressive, dunque, dimostrano solo una cosa: la debolezza di un potere politico in crisi e privo di legittimità. Noi ve lo ripetiamo, ancora una volta: toglietevi dimezzo, perché non potete fermare il vento.

31 maggio 2013 da Piazza Verdi liberata