Note conclusive sulla lotta CoopService: ci vediamo a settembre!

Note conclusive sulla lotta CoopService: ci vediamo a settembre!

Condividi
Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0share on TumblrPin on Pinterest0Google+0Email to someone

Nei mesi scorsi l’Assemblea student@-lavorator@-precar@ ha aperto uno spazio d’incontro per i differenti soggetti che attraversano il Polo Universitario bolognese, tracciando una linea di congiunzione immediata tra il mondo delle cooperative e il mondo della formazione.
Tante le iniziative di mobilitazione costruite per squarciare quel pesante velo di omertà sulle difficili condizioni di lavoro degli esternalizzati UniBo sotto COOPSERVICE, tra cui picchetti, iniziative culturali e pseudo tavoli di trattativa.

Con la chiusura del semestre accademico proviamo a trarre delle conclusioni su successi e insuccessi raggiunti.
Le esigenze dei lavoratori che hanno dato vita alle mobilitazioni finalizzate al raggiungimento di una dignitosa condizione di lavoro, si possono riassumere in tre punti salienti:

  • Cancellazione del “ contratto vergogna”, da 2,80€ l’ora, subentrato da novembre nell’ appalto di Palazzo Paleotti.
  • Riconoscimento delle MANSIONI per i lavoratori coopservice, che effettuano nei propri luoghi di afferenza una vera e propria assistenza, a seconda, tecnica, informatica, bibliografica, presidio alle aule e assistenza alla didattica.
  • Eliminazione della inesistente “DISCONTINUITA’ LAVORATIVA”, riconosciuta a lavoratori presenti , invece, nelle portineria per 10/11/12 ore di fila!

La lotta PAGA! Abbiamo infatti raggiunto, se non proprio tutti i risultati auspicati, quantomeno piccole grandi vittorie.

Dal 15 del mese corrente abbiamo,infatti, la certezza , per tutti i lavoratori già in possesso del contratto multi servizi, del mantenimento dello stesso. Abbiamo salvato, quindi, una gran fetta di quei lavoratori che temevano di finire nelle fauci del “contrattovergogna”.
Altra piccola grande vittoria è stata ottenuta per i lavoratori di palazzo paleotti che, seppur non ritornando al vecchio contratto multi servizi, e quindi alla dignità del vecchio stipendio, hanno comunque ottenuto il riconoscimento sia di un’ indennità economica mensile che delle mansioni svolte .
Conquistare tutto questo è stato difficile, e fondamentale si è rivelato il rapporto di fiducia e solidarietà nato e cresciuto tra i lavoratori e gli studenti durante questa corsa ad ostacoli, superata già per metà!

Da settembre il “VIA” al secondo tempo, che vedrà ancora protagonisti i membri dell’assemblea nel verificare, in concreto e nello specifico, le condizioni del nuovo appalto che partirà nel mese di agosto. Fondamentale preservare quanto già conquistato e capire assieme le prossime mosse della nostra battaglia!

Contro i contratti vergogna: Sì Dignità!

Assemblea student@-lavorator@-precar@

Condividi
Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0share on TumblrPin on Pinterest0Google+0Email to someone