#StopBombingGaza – solidarietà con il popolo palestinese

#StopBombingGaza – solidarietà con il popolo palestinese

Dopo l’escrache di questa mattina, contro il barone della guerra Panebianco, oggi alle 18.30 ci vediamo tutte e tutti in piazza San Francesco in solidarietà al popolo palestinese.

L’operazione “Protective Edge”, scatenata l’8 luglio da Israele con centinaia di bombardamenti sulla Striscia di Gaza, ha ucciso in soli cinque giorni oltre 120 palestinesi dei quali molti giovani e bambini. Massacri e devastazioni a marchio israeliano sulla popolazione palestinese si ripetono ormai ciclicamente. Come nelle operazioni “Piombo Fuso” del 2008/2009 e “Colonna di fumo” del 2012, obiettivi dei bombardamenti sono ospedali, scuole e altri siti civili.

I palestinesi della Striscia di Gaza sono isolati via mare e via terra, intrappolati nella loro terra con esigui mezzi di soccorso e sottomessi agli umori dell’Egitto per l’apertura di Rafah, unica via di uscita per i feriti. “Protective Edge” è il pretestuoso epilogo, che si prospetta purtroppo di lunga durata, della rappresaglia feroce innescata dai coloni israeliani con l’omicidio di Mohammed Abu Khdeir, ragazzo sedicenne arso vivo, a seguito dell’omicidio dei tre giovani coloni israeliani. I bombardamenti su Gaza arrivano ad un mese dall’insediamento del Governo di unità nazionale palestinese e quasi in concomitanza del 10° anniversario della Sentenza della Corte Internazionale di Giustizia che, il 9 luglio 2004, ha condannato il muro israeliano nei Territori Palestinesi. Come sempre, Israele è sordo a tutte le sentenze ed agisce con il favore degli USA, arrivato puntuale anche per l’operazione “Protective Edge”, e nel silenzio complice dell’Unione Europea che si è ormai circondata da pericolose situazioni di guerra.

In Italia, mentre l’Alenia Aermacchi (Finmeccanica) rifornisce a Israele caccia M-346, le istituzioni nazionali e locali tacciono e i media ripetono il solito cliché di capovolgimento dei fatti che dipinge i palestinesi come temibili terroristi e incornicia gli israeliani nel quadro limpido di povere vittime. Questa informazione distorta dell’ennesimo massacro a danno della popolazione palestinese è in innegabile complicità con la politica israeliana.

A differenza di quanto avviene a livello istituzionale e mediatico, sono già numerose e partecipate le manifestazioni di solidarietà con il popolo palestinese nel mondo e in Italia alle quali ci uniamo invitando anche ad aderire alla compagna BDS (Boicottaggio Disinvestimento e Sanzioni) contro Israele.

Stop ai bombardamenti su Gaza
Stop alla farsa mediatica che propaganda la politica israeliana
Solidarietà al popolo palestinese
Solidarietà ai palestinesi in Italia
Vita terra e libertà per il popolo palestinese

MARTEDÌ 15 LUGLIO 2014 – ORE 18,30
PRESIDIO in PIAZZA SAN FRANCESCO a BOLOGNA – evento Facebook