Nasce Idra, abitazioni contro la crisi

Nasce Idra, abitazioni contro la crisi

Condividi
Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0share on TumblrPin on Pinterest0Google+0Email to someone

Ripubblichiamo il comunicato stampa di Idra, abitazioni contro la crisi:

10712731_286660628196562_9133460052994346841_nIdra è un mostro nel mare della crisi, indomita e amica di chi lotta. Non a caso nasce il 16 ottobre, giornata di sciopero sociale e metropolitano.

Idra non sono solo abitazioni occupate, un luogo liberato e sottratto alla speculazione, ma vita che si afferma, dignità e felicità contro lo sfruttamento.

Idra è casa per molti giovani, studenti e non, Idra è una scommessa collettiva per una generazione che deve e vuole sollevarsi. Lavoro di merda, disoccupazione, indebitamento morale ed economico con la famiglia, aspettative decrescenti, saperi mercificati e guerre tra poveri non sono alternative per noi. Noi abbiamo scelto altro.

Bologna è tra le città più care d’Italia, con un altissimo tasso di disoccupazione giovanile. Intorno a noi ci sono tanti edifici vuoti, vergognosamente abbandonati, in mano a pochi speculatori tutelati da leggi ingiuste. Oggi ne abbiamo occupato uno, lo abbiamo sottratto alla polvere, perchè vogliamo liberarci del ricatto dell’affitto. Stanchi di promesse fumose diciamo forte e chiaro: occupare è giusto!

E le istituzioni? Il Piano Casa del governo Renzi, a firma Lupi, è piuttosto un piano contro la casa. L’articolo 5 – la possibilità di distacco di acqua, luce e gas alle occupazioni – è una gravissima aggressione sociale che va combattuta. Da un lato il sindaco Merola annuncia una crociata di sgomberi in nome di una legalità opposta alla giustizia, dall’altro inaugura una nuova campagna di speculazione edilizia. In piena sintonia con l’amministrazione comunale, neanche ERGO e università offrono soluzioni adeguate al bisogno diffuso e trasversale della casa. Inoltre, sappiamo bene che la questione abitativa è solo parte di un più complessivo attacco contro le condizioni di vita della maggioranza della popolazione, giovani in primis.

Ma non siamo più disposti ad accettare tutto questo, organizziamoci insieme per trasformare le nostre esistenze. Sin da subito esprimiamo la nostra solidarietà attiva con tutte le occupazioni abitative a Bologna e altrove, con tutti coloro che resistono a sfratti e sgomberi, con i compagni Paolo e Luca. La nostra forza è essere ovunque, oltre ogni confine e oppressione.

Ci ritroviamo in un mare di miseria e vogliamo una tempesta.
Basta crisi, rivoluzione!

Invitiamo tutt* gli/le interessati al progetto, gli abitanti del quartiere, i curiosi, le esperienze di occupazione e le realtà collettive a un’assemblea pubblica e alla presentazione dello spazio il giorno 17 ottobre alle 18:00 @ via San Vitale 122.

Lo sciopero sociale continua.

Idra – twitter: @IdraBologna

Condividi
Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0share on TumblrPin on Pinterest0Google+0Email to someone