Idra: A ogni sgombero, un’altra testa

Idra: A ogni sgombero, un’altra testa

Condividi
Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0share on TumblrPin on Pinterest0Google+0Email to someone
IDRA IS BACK! Assemblea di presentazione + aperitivo sociale
Tuesday, 9 December 2014 6:00 pm
@ Via albiroli 1
Creator:

 

Ripubblichiamo il comunicato dei compagn* di Idra:

Oggi, grazie a un bel corteo animato da varie centinaia di studenti, precarie, migranti, occupanti di case, compagni e compagne, convocato da varie realtà che quotidianamente si impegnano nella lotta per la casa e all’interno della mobilitazione nazionale indetta da Abitare nella crisi, abbiamo conquistato una nuova casa, riportato in vita l’ennesimo spazio abbandonato, liberato un altro luogo dal giogo della speculazione immobiliare. È una palazzina in via Albiroli 1, davanti a Torre Prendiparte: e noi da che parte stare lo pratichiamo ogni giorno. Lo stabile, abbandonato da tempo, è di proprietà della curia: del resto, non è papa Francesco ad aver dichiarato di essere dalla parte di “chi odora di lotta e di quartiere”? Ebbene, eccoci qua.

Loro ci impongono sacrifici, noi al contrario pratichiamo riappropriazione. Le migliaia e migliaia di immobili vuoti altro non sono che uno schiaffo in faccia a chi oggi subisce la crisi, ovvero il 99% della popolazione, per dirla con Occupy e i movimenti globali.

Alla violenza sistemica di un’ingiusta legalità fatta di sgomberi, sfratti, e distacchi, opponiamo collettivamente la legittima forza della lotta per la casa. Senza esitazione ribadiamo che occupare è giusto, che è giusto che lo facciano quante più persone possibile, perché sottrarsi al ricatto dell’affitto non solo è un’extrema ratio, ma vuol anche dire spezzare le catene della precarietà, la povertà della nostra generazione. Per noi occupare significa affermare la nostra dignità e potenza, significa autodeterminarsi, significa non rassegnarsi all’infelicità e alla depressione, significa costruire un’alternativa possibile, hic et nunc.

In una città come Bologna, dove la disoccupazione giovanile raggiunge il 50%, dove le prospettive lavorative si riducono a impieghi temporanei, mal retribuiti, frustranti e privi di stimoli, dove del welfare non rimane che il racconto delle generazioni precedenti, dove l’Università “migliore d’Italia” consapevolmente ignora i bisogni dei suoi studenti, quello che conta per le istituzioni sembra essere solamente la legalità. Poco importa se questa è antitetica alla giustizia sociale. Noi abbiamo scelto di non accettare tutto ciò, decidiamo autonomamente cosa è giusto e cosa è sbagliato. Facciamolo insieme.
L’occupazione di oggi non solo sarà casa per tant*, ma anche un’altra testa del mostro del conflitto: da Napoli a Torino, da Milano a Palermo, da Roma a Bologna, nei centri e nelle periferie, nelle metropoli e nelle province, in Italia e altrove, la lotta per la casa è ovunque. La lotta per la casa può essere un divenire rivoluzionario.

In questa giornata ringraziamo ancora una volta Anonymous, che ha buttato giù i siti del Comune di Bologna e di Confabitare, obiettivi del corteo. Se ci sgomberano le case, noi facciamo tango down!

Idra

E il comunicato unitario della giornata di mobilitazione:

Il movimento per la casa si riprende la città!

Oggi c’è stata un’importante giornata di mobilitazione in risposta al vile attacco subito da Idra e tutta la lotta per l’abitare.
Un corteo determinato, costruito in sintonia tra tanti e tante nella propria specificità, ha voluto inaugurare un percorso comune di lotta per la casa a Bologna.
Più di 400 persone hanno condiviso contenuti, e praticato numerosi obiettivi nel cuore della città.
Abbiamo ricordato a CONFABITARE che criminale non è chi occupa per avere un tetto sopra la testa, bensì chi tiene le case vuote per speculare, mentre sempre più persone si ritrovano per strada.
Abbiamo dimostrato a Merola e ai suoi assessori che, se occupare è una prepotenza, siamo tutt* prepotenti di fronte alla mancanza di soluzioni concrete delle istituzioni al problema della crisi abitativa.
Il gran finale alla splendida giornata è stata la nascita della seconda testa di Idra, che si è riappropriata di uno stabile abbandonato all’in-Curia.

Idra – Lábas – ASIA-USB – Hobo – TPO

Guarda le foto di Michele @ Zic:

Condividi
Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0share on TumblrPin on Pinterest0Google+0Email to someone