Fuck Austerity, la Grecia siamo noi! [Video]

È una guerra quella che da tempo la Bce, la Troika, le grandi banche e i governi europei stanno conducendo contro il popolo greco. È una guerra che colpisce tutte e tutti noi, precar@, lavoratori impoveriti, studentesse e studenti, migranti. Questa guerra si chiama austerity e produce quotidianamente licenziamenti, miseria, suicidi, morti. Ora Bce e Troika si oppongono a qualsiasi possibilità perfino di negoziare il debito e le condizioni belliche imposte alla Grecia, con esplicite minacce di ridurre ancor più alla fame un’intera popolazione. Queste minacce non si rivolgono solo alla Grecia, ma a tutti coloro che in qualsiasi forma si oppongano ai diktat dell’1% che si arricchisce sulle nostre spalle.

L’11 febbraio in tante città europee ci saranno iniziative contro questi diktat, in solidarietà innanzitutto con le lotte e i movimenti che in quel paese da anni si stanno battendo contro l’austerità. Per questo motivo oggi abbiamo voluto dare un segnale lanciando della vernice rossa contro la sede di Bologna della Deutsche Bank, perché rosso è il colore del sangue che ci stanno succhiando e che stanno spargendo. La scritta che abbiamo lasciato sulla banca è un messaggio chiaro e inequivocabile: “Fuck Austerity”. Noi il vostro debito e la vostra crisi non li paghiamo. Non si tratta di semplice solidarietà, perché quello che sta avvenendo in Grecia è lo specchio del nostro futuro, ancor più è l’immagine del nostro presente.

Leggi anche: Al fianco del popolo greco contro il ricatto della BCE

Hobo – Laboratorio dei Saperi Comuni