Cecca, Donato, Mattia, Damiano, Luca e Nicola liberi subito!

Cecca, Donato, Mattia, Damiano, Luca e Nicola liberi subito!

Il 28 marzo a Torino migliaia di persone scesero per le strade del centro per contestare l’ennesimo comizio xenofobo del fascio-leghista Salvini. La polizia caricò violentemente la manifestazione per impedirle di avvicinarsi a una piazza semi-deserta, quella dei fascio-leghisti. Uno studente venne arrestato, altri otto fermati e denunciati. Oggi, a più di 5 mesi di distanza, questura e magistratura tornano a vendicarsi delle lotte sociali con sei arresti: Francesca e Donato sono stati portati in carcere, Mattia, Damiano, Nicola e Luca sono posti ai domiciliari con severe restrizioni. Non sorprende che sia nuovamente il dispositivo cautelare a rappresentare l’isteria di un assetto istituzionale ormai privo di legittimità e consenso, ansioso di sedare ogni forma di dissenso sociale attraverso una farsesca narrazione che spacci per questioni di ordine pubblico una specifica intenzionalità politica.

Torniamo a ribadire la legittimità e la necessità di contestare e cacciare Salvini ovunque si presenti, di attaccare chi, per arricchire la sua casta, tenta quotidianamente di fomentare la guerra tra poveri. Vogliamo la libertà immediata per le compagne e i compagni arrestati. #MaiConSalvini – Liber@ tutt@!