Quando l’ingiustizia diventa legge, la resistenza diventa dovere!

Quando l’ingiustizia diventa legge, la resistenza diventa dovere!

Condividi
Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0share on TumblrPin on Pinterest0Google+0Email to someone

Oggi, 19 settembre 2017, ancora una volta il senato accademico veste i panni della santa inquisizione e si riunisce per sospendere diversi studenti e studentesse. La loro colpa? Essersi indignati e opposti all’irruzione della polizia nella biblioteca di via Zamboni 36, ai tornelli, a un modello di università fondato sull’aziendalizzazione, sulla perdita di senso dei saperi, sulla dequalificazione delle nostre vite. Come già più volte successo in passato, le misure disciplinari sono decretate dall’organo baronale in un perverso intreccio con la procura, sotto l’arroganza dell’ermellino la casta esibisce la ferocia arbitraria della toga. Sulla base del “codice etico”, del resto, qualsiasi studente o lavoratore che sia ritenuto colpevole di parlar male dell’Alma Mater è sanzionabile con misure disciplinari e sospensioni. Così, sotto l’ebbra guida tecnica del rettore Ubertini, l’Unibo si rituffa nell’oscurità del medioevo: a quando le torture per gli eretici e i roghi delle streghe?

Ma oggi come ieri, c’è chi dice no. Mentre il Sant’Uffizio accademico è raccolto per celebrare i suoi lugubri riti, alcune studentesse e studenti – in continuità con chi sotto al rettorato rivendica libertà di studiare – hanno dato un segnale concreto, chiaro, determinato: l’ex Community Center di Filippo Re è stato riaperto. Quello spazio, dapprima occupato e violentemente sgomberato dalla polizia, poi autogestito per un lungo periodo, era stato temporaneamente riconsegnato in attesa che l’amministrazione universitaria facesse – come da tempo promesso – una struttura attrezzata per l’accesso dei disabili. Dopo oltre due mesi, la situazione è sotto gli occhi di tutti: lo spazio vegeta nell’abbandono e nella polvere, altroché il “laboratorio inclusivita’” che doveva essere immediatamente costruito! Riteniamo molto grave che l’amministrazione universitaria si permetta di strumentalizzare una questione estremamente importante come la disabilità per chiudere degli spazi agli studenti, per farne dei laboratori di esclusione. L’inclusione è infatti garantita dalla voglia di partecipazione e di condivisione delle esperienze, quella che ieri si è opposta all’ingresso della polizia al 36, quella che oggi ha riaperto lo spazio a Filippo Re per renderlo realmente inclusivo per tutte e tutti, e che pretendiamo inoltre venga attrezzato per i disabili.

Contro il loro medioevo aziendalista e le sanzioni inquisitoriali, siamo e sempre saremo indisciplinate e indisciplinati, perché il nostro desiderio di libertà è smisurato!

Studenti e studentesse indisciplinati

Condividi
Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0share on TumblrPin on Pinterest0Google+0Email to someone